Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
ambasciata_pechino

Notifiche atti giudiziari in Cina

 

Notifiche atti giudiziari in Cina

NOTIFICA ATTI GIUDIZIARI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE

La notifica di atti giudiziari in materia civile e commerciale tra Italia e Repubblica Popolare Cinese è regolata dal Trattato bilaterale del 20.05.1991 per l'assistenza giudiziaria in materia civile (link al testo) e dalla Convenzione multilaterale dell’Aja del 15.11.1965 relativa alla notifica all’estero degli atti giudiziari ed extragiudiziari in materia civile e commerciale (link al testo).

Le notifiche possono essere effettuate esclusivamente seguendo le procedure e i modelli indicati, alternativamente, dal Trattato bilaterale o dalla Convenzione dell’Aja. Le autorità cinesi considerano non ricevibili notifiche inviate utilizzando solo parzialmente le procedure indicate dal Trattato bilaterale o dalla Convenzione dell’Aja.

In particolare, si segnala che qualora la notifica di un atto giudiziario è effettuata seguendo le procedure e i modelli previsti dalla Convenzione dell’Aja del 1965, essa dovrà essere inviata in lingua italiana con traduzione esclusivamente in lingua cinese.

Qualora invece si intenda utilizzare la procedura stabilita dal Trattato bilaterale di assistenza giudiziaria del 1991, l’atto di notifica dovrà essere inviato in lingua italiana, corredato di traduzione in lingua cinese o, alternativamente, in lingua inglese o in lingua francese.

Le traduzioni degli atti italiani in lingua cinese, inglese o francese dovranno essere accurate, pena la non ricevibilità da parte delle autorità giudiziarie cinesi.

Parimenti, l’indirizzo del destinatario della notifica deve essere indicato accuratamente e includere indirizzo completo di numero civico, palazzina, interno dell’appartamento e codice postale.

Con riferimento alla Convenzione dell’Aja, si rammenta inoltre che avendo la Repubblica Popolare Cinese posto riserva all’art. 10 della convenzione, le autorità cinesi consentendo quale unica procedura di notifica l’invio degli atti attraverso il Ministero della Giustizia della R.P.C., escludendo dunque la possibilità di invio diretto agli interessati a mezzo posta.

Si informa, infine, che la procedura di notifica di atti giudiziari nella Repubblica Popolare Cinese può richiedere, a seconda della complessità dell’atto, periodi lunghi fino a due anni. I passaggi formalmente seguiti dalle autorità cinesi sono: ricezione dell’atto da parte del Ministero di Giustizia (con sommario esame formale della domanda), trasmissione alla Corte Suprema (che procede a valutare eventuali impedimenti di ordine sostanziale alla notificazione dell’atto), trasmissione alla Alta Corte di livello provinciale, trasmissione al Tribunale competente di livello municipale, trasmissione al Tribunale Locale che notifica formalmente l’atto. L’atto una volta notificato seguirà poi il medesimo percorso a ritroso.


689