Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
ambasciata_pechino

2 MARZO 2017 : ITALIAN DESIGN DAY A PECHINO

Data:

03/03/2017


2 MARZO 2017 : ITALIAN DESIGN DAY A PECHINO

2 MARZO 2017 : ITALIAN DESIGN DAY A PECHINO

Valorizzare il design italiano come parte integrante del “vivere all’Italiana”. Raccontarne la storia e l’unicità per promuovere anche in Cina il gusto per le creazioni italiane, sintesi di tradizione e innovazione, ricerca e attenzione alla qualità.

Questi gli obiettivi del primo Italian Design Day in Beijing, organizzato dall’Ambasciata e dall’Istituto Italiano di cultura di Pechino, in
collaborazione con ICE e Camera di Commercio in occasione della Prima Giornata del Design Italiano nel mondo, organizzata in contemporanea in oltre 100 città.
Quasi 200 i presenti all’evento pechinese, tra architetti, designers, studenti e operatori economici del settore, i quali hanno potuto assistere in anteprima al video di apertura del prossimo Salone del Mobile 2017.

Ospiti per l’occasione Davide Rampello, già Presidente della Fondazione Triennale di Milano, e Patricia Viel, architetta e urbanista di fama internazionale. Insieme a Vittorio Sun, della Beijing Design Week, i due testimonial italiani hanno raccontato al pubblico cinese storia e segreti del design Made in Italy, che hanno portato l’Italia ad essere il punto di riferimento assoluto in questo settore, con un terzo del fatturato mondiale.

“L’Italia e’ sempre stata un laboratorio in cui si sono fuse culture ed esperienze ed e’ maturata l’attenzione alla progettualità” ha affermato Davide Rampello.
“Creatività e progetto partono dall'Italia e creano un linguaggio universale” ha continuato Vittorio Sun, che con la sua Beijing Design Week da anni concede ampio spazio alle creazioni italiane.

“L’Italia non fa design, l’Italia e’ design. E in Cina ve n’e’ sempre piu’ consapevolezza.” ha affermato Ettore Sequi, Ambasciatore d’Italia in Cina. “Il pubblico cinese è sempre di più attento ai prodotti che acquista e utilizza e il nostro comparto arredo e’ in costante
crescita. Lo scorso novembre il design italiano è stato celebrato con un importantissimo evento a Shanghai. Oltre 20.000 persone hanno visitato in appena due giorni il Salone del Mobile, a ulteriore dimostrazione del forte interesse di questo pubblico verso l’Italia e
la sua offerta”

Grazie a Vespa, Ducati, Smeg, Alessi e progetto CMR, alcune tra le creazioni di maggior successo sono state esposte al pubblico durante tutta la manifestazione.

La costante crescita del comparto arredo è particolarmente evidente in Cina ed il pubblico cinese è sempre di più attento ai prodotti che acquista e utilizza. Per questa ragione, l’Italia - già dal 2009 - occupa il primo posto tra i Paesi esportatori nel settore dell’arredo. Dopo i dati estremamente positivi registrati nel corso del 2015, anche il 2016 si è dimostrato un anno ricco di soddisfazioni in cui le esportazioni italiane sono cresciute di oltre il 25%.

A circa un mese dalla 56° edizione del Salone del Mobile (4-9 aprile 2017) la Prima Giornata del Design Italiano nel Mondo fa seguito a una serie di azioni portate avanti dalla Farnesina in questo settore: il sostegno alla XXI Triennale di Milano e all’internazionalizzazione del Salone del Mobile, l’organizzazione della XVI Settimana della Lingua Italiana con tema il design e l’industria creativa. L’Italian Design Day si ripeterà nel 2018 allargando ulteriormente la ricerca e la selezione dei comparti produttivi e delle eccellenze e  ealizzando una grande mostra che terrà conto dei materiali raccolti, delle esperienze e delle contaminazioni che si saranno create.

L’Italian Design Day in Beijing prosegue anche il 3 marzo con una tavola rotonda presso il Museo dell’Universita’ Qinghua durante la quale interverranno Daniele Balicco (Professore di Estetica Sociale presso l’École des hautes études en sciences sociales di Parigi) e Andrea Baldini (docente all’Art Institute della Nanjing University) insieme a Yang Dongjiang (Vice Direttore di Tsinghua University Art Museum) e Lu Yichen (Architetto del Padigione Cina a Expo Milano 2015 ).

 


663