Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
ambasciata_pechino

Dichiarazione della Delegazione dell'Unione Europea in Cina, in occasione della Giornata internazionale dei diritti umani

Data:

12/12/2016


Dichiarazione della Delegazione dell'Unione Europea in Cina, in occasione della Giornata internazionale dei diritti umani

La delegazione dell'Unione europea in Cina pubblica la seguente dichiarazione in accordo con i Capi missione dell'Unione Europea in Cina

Ogni anno, il 10 dicembre, la comunità internazionale celebra l'anniversario della proclamazione della Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo. Questo anniversario è l'occasione sia per l'UE che per la Cina di esaminare i rispettivi progressi nella tutela dei diritti umani di tutte le persone.
Negli ultimi anni, la Cina ha compiuto notevoli passi avanti in molte aree legate allo sviluppo umano, tra cui il miglioramento della situazione sociale ed economica per centinaia di milioni di cittadini. Nella sfera dei diritti civili, vediamo anche una riduzione del numero dei reati che possono comportare la pena di morte, la professionalizzazione della magistratura, così come l'introduzione della prima legge nazionale contro la violenza domestica.
Tuttavia, siamo anche consapevoli che c'è un urgente bisogno di ulteriori progressi per quanto attiene il sistema della giustizia penale. In particolare, siamo preoccupati per la mancata attuazione di protezioni legali e l'adozione di leggi e regolamenti che vanno in contrasto con l'impegno dichiarato della Cina di promuovere lo stato di diritto. Durante lo scorso anno, siamo stati estremamente turbati per il deterioramento della situazione sotto il profilo della libertà di espressione e di associazione. La repressione ha portato all'arresto, la detenzione e la condanna di difensori dei diritti umani, avvocati e altri operatori, nell’esercizio dei diritti come la libertà di religione o di credo. Ancora una volta chiediamo la liberazione del Premio Nobel per la pace Liu Xiaobo e dell’accademico Uighuro Ilham Tohti. Restiamo estremamente preoccupati per i casi di Zhang Haitao e Tashi Wangchuk e per la detenzione in corso e la convinzione di avvocati dei diritti umani e difensori dei detenuti in relazione al giro di vite del 9 Luglio 2015, tra cui Li Heping, Wang Quanzhang, Xie Yang e, in particolare, Jiang Tianyong. Siamo ugualmente preoccupati per tutti i difensori dei diritti umani e per i loro familiari che sono stati molestati e puniti a causa del loro lavoro nella promozione dei diritti protetti dalla Costituzione della RPC e del diritto internazionale.
In conformità con i trattati e le convenzioni delle Nazioni Unite, l'Unione Europea ei suoi 28 Stati membri ritengono che nessun individuo o gruppo dovrebbe essere puniti per aver cercato di esercitare, tutelare o promuovere i propri diritti oi diritti di terzi. Per questo, esortiamo la Cina a rilasciare immediatamente qualsiasi individuo arrestato a seguito di tali attività. Noi crediamo che le persone in stato di detenzione dovrebbero avere accesso a un avvocato di loro scelta e avere la possibilita’ di incontrare i propri familiari, e non essere sottoposto a confessioni forzate e pubbliche, tortura o altri maltrattamenti.
Crediamo che il rispetto e la promozione di questi diritti contribuiranno alla creazione di una Cina più prospera. La prosperità è inoltre collegata con la libertà di informazione online e offline, che è fondamentale per il libero scambio di idee e il dibattito democratico. Per il prossimo anno, ci auguriamo che la Cina possa dimostrare progressi in questi settori, così come nel permettere alle organizzazioni non governative nazionali e straniere di operare liberamente e in modo efficace in Cina. Noi continueremo a lavorare con la Cina verso questi obiettivi.


642