Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
ambasciata_pechino

COMUNICATO STAMPA - ITALIA-CINA: Il Ministro Profumo incontra gli studenti italiani e cinesi all'Università Beiwai di Pechino.

Data:

19/06/2012


COMUNICATO STAMPA - ITALIA-CINA: Il Ministro Profumo incontra gli studenti italiani e cinesi all'Università Beiwai di Pechino.

Nella cornice della prestigiosa Università per gli Studi Stranieri di Pechino (Beiwai - BFSU) il Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca Prof. Francesco Profumo, in visita a Pechino, è stato accolto questa mattina con grande entusiasmo dal gruppo di studenti del Convitto Nazionale di Roma “Vittorio Emanuele II”, Liceo Scientifico Internazionale con Opzione Lingua Cinese, che sta per terminare per quest’anno scolastico il periodo di formazione previsto presso l’Università cinese.  Si sono uniti nel sincero saluto al Ministro gli studenti cinesi di lingua italiana dell’ateneo pechinese, famoso per il considerevole numero di lingue straniere che vi si insegnano correntemente, ben 54, nonché per aver formato esponenti di rilievo della classe dirigente cinese.

Prima di incontrare gli studenti, il Ministro Profumo è stato ricevuto, assieme al Rettore del Convitto Nazionale di Roma, Emilio Fatovic, e all’Ambasciatore d’Italia presso la Repubblica Popolare Cinese, Attilio Massimo Iannucci, dai massimi dirigenti della Beiwai, il Rettore Yang Xueyi e il Vice Rettore Ma Yansheng, nonché dal Direttore dell'Istituto Confucio. A loro ha rivolto il suo personale apprezzamento per la collaborazione instaurata con il Convitto Nazionale di Roma, vero e proprio “modello pilota” all’interno del sistema scolastico italiano e per il contributo alla realizzazione di questo importante programma.

Nel rivolgersi agli studenti cinesi e italiani presenti, il Ministro Profumo ha incoraggiato i giovani a proseguire in questa loro lungimirante scelta di costruire il proprio percorso formativo basandolo sulla mobilità scolastica e sullo studio dell’italiano e del cinese come lingue straniere, che facilita la comprensione reciproca tra studenti, consentendo un più profondo scambio culturale tra i due Paesi.

“In questo processo di diffusione della lingua e cultura cinese - ha sottolineato il Ministro Profumo rivolgendosi agli studenti - la creazione nel 2009 del Liceo Scientifico internazionale con opzione della lingua cinese presso il Convitto Nazionale di Roma è una tappa importante e un’innovazione all’interno del sistema scolastico italiano [...]. Siete un'eccellenza, ma il successo del vostro Liceo è anche il frutto di una straordinaria collaborazione con la Beiwai che vi accoglie ogni anno e vi mette a disposizione le sue strutture e l’esperienza professionale dei sui docenti.”

Il Ministro ha rassicurato i giovani del Convitto interessati a intraprendere gli studi universitari in Cina, che la questione del reciproco riconoscimento dei titoli di studio liceali era già allo studio del Ministero ed era stata affrontata nel corso deI colloqui con il suo omologo, Ministro Yuan Guiren e con il Rettore di Beiwai Yang Xueyi.

La cerimonia di benvenuto, che cadeva nel cinquantenario dell’avvio dello studio della lingua italiana presso l’università Beiwai, si è conclusa con una nota di colore: a turno gli studenti cinesi e quelli italiani si sono cimentati un brevi ma significative rappresentazioni teatrali, musicali, canore, mostrando un notevole livello di apprendimento e di assimilazione dell’italiano e del cinese come lingue straniere.

"Spero che questa iniziativa - ha detto uno degli studenti del Convitto - che ci consente ogni anno di venire a trascorrere qualche settimana in Cina, venga replicata anche per altre scuole e per altre università italiane e cinesi, consentendo a un più gran numero di studenti di vivere questa indimenticabile esperienza. Ci auguriamo che gli accordi tra i due sistemi scolastici ci permettano di proseguire gli studi indifferentemente in Italia o in Cina, senza ostacoli burocratici. Confidiamo nel lavoro del Ministro Profumo nel corso dei suoi contatti con le controparti cinesi per raggiungere questo risultato".


Pechino, 19 giugno 2012


363