Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
ambasciata_pechino

Comunicato Stampa Relativo all'importazione di Olio di oliva italiano

Data:

11/01/2012


Comunicato Stampa Relativo all'importazione di Olio di oliva italiano

Con riferimento ad articoli di stampa recentemente apparsi sui media locali, l’Ambasciata d’Italia nella Repubblica Popolare Cinese sottolinea come la produzione e la commercializzazione in Italia ed all’estero dell`olio d`oliva italiano siano effettuate in conformita’ ad elevati standard di qualita’ e con l’obiettivo prioritario di assicurare la sicurezza alimentare dei consumatori.

Le autorità italiane preposte alla Salute e alla Pubblica Sicurezza applicano su tutti i prodotti agro-alimentari un approfondito sistema di controlli e la normativa in materia di tutela dei consumatori è perfettamente in linea con quella dell’Unione Europea.

Per quanto riguarda gli oli, la normativa italiana è particolarmente rigorosa. L’Italia è l’unico Paese membro dell'UE nel quale già dal 2009 gli oli vergini ed extravergini di oliva vengono sottoposti a un doppio obbligo di tracciabilità, esteso non solo ai prodotti destinati al mercato comunitario ma anche a quelli inviati in Paesi extra UE. La possibilità di collocare olio d’oliva sul mercato è altresì preceduta da due esami obbligatori, l’uno chimico-fisico e l’altro organolettico. Infine, per evitare ogni discriminazione tra i consumatori in Italia e quelli all’estero, vengono effettuati ulteriori controlli di conformità nella commercializzazione internazionale dei prodotti.

Tutte le tipologie di olio d’oliva sono contraddistinte da una specifica certificazione che risponde a rigidi criteri normativi.
Anche le norme sull’etichettatura sono improntate alla massima trasparenza ed impongono al produttore di indicare una serie di informazioni che consentono ai consumatori - italiani ed esteri - di avere chiara consapevolezza circa la qualità del prodotto e l’affidabilità del produttore.

Quanto ai presunti casi di contraffazione denunciati dai media locali, le Autorità italiane di polizia si sono immediatamente attivate e stanno effettuando ogni opportuno controllo. Ad oggi, tuttavia, non risulta alcun caso confermato di nocività per i consumatori né alcuna irregolarità nella produzione destinata ai mercati extraeuropei.

L’Ambasciata d’Italia e’ in stretto contatto con l’Amministrazione Generale per la Supervisione della Qualità, l`Ispezione e la Quarantena della Repubblica Popolare Cinese, alla quale ha assicurato massima collaborazione per vigilare sulla qualità dei prodotti agroalimentari italiani e sulla completa sicurezza dei consumatori, anche dopo che tali prodotti sono immessi sul mercato locale.


347